Prodotti Cermal

Doppia S

Masselli Autobloccanti

Caratteristiche Doppia S 12x24x6
Dimensioni modulari s, l, h: 12,00x24,00x0,6 cm
Massa: 3,64 Kg
Resistenza a compressione: ≥60,00 N/mm²

Caratteristiche
Pezzi a mq: 33,00 pz

Caratteristiche d’imballo
Massa per pacco: 1281,68 Kg
Mq per pacco: 10,67 mq

Normativa di riferimento
UNI EN 1338

Ideale Per
 Traffico veicolare Traffico veicolare
Doppia S
Scheda Tecnica:

Accedi
Accedi o registrati


Colori Disponibili
Grigio Grigio 
Rosso Rosso 
Nero Nero 
Testa di Moro Testa di Moro 
Arancio Arancio 
Giallo Giallo 
Verde Verde 



Descrizione tecnica:

I masselli doppio strato, tipo Doppia S, prodotti con sistema di qualità certificato, sono realizzati in calcestruzzo vibrocompresso di massa volumica apparente a secco ±2000,00 Kg/mc. Le colorazioni dei masselli autobloccanti sono ottenute aggiungendo nell'impasto di calcestruzzo, i migliori ossidi: rosso, nero, testa di moro, arancio, giallo, verde. La pavimentazione in masselli autobloccanti si posa su uno strato dello spessore di ±4,00 cm di sabbia calcarea, di granulometria 0-4 mm, adeguatamente livellata sopra un sottofondo misto granulare.

Se il sottofondo non è perfettamente idoneo, si consiglia di inserire, prima della stesura dello strato di sabbia, il geotessuto: è un materiale particolarmente utile per il drenaggio e il filtraggio dei liquidi, per separare e impedire il trascinamento della sabbia e in fine per rinforzare e proteggere il sottofondo.

La posa in opera dei primi masselli, contro un bordo fisso di partenza, richiede una cura particolare, che si rifletterà su tutta la disposizione dei successivi elementi. L'ordine di posa deve garantire che i masselli possano essere posati facilmente ed in modo da non dovere mai forzare quelli già posati. Finita la posa, si prosegue con la sigillatura dei giunti mediante sabbia fina silicea, di granulometria 0-2 mm In fine, dopo l'assestamento mediante una piastra vibrante, la pavimentazione è agibile. Nei primi 2 mesi di vita, la pavimentazione deve essere spazzolata soltanto a mano, per permettere la stabilizzazione della sabbia tra i giunti. Dopo questo periodo si può usufruire di metodi di pulizia più energici come getti d'acqua o scope meccaniche.

In caso di macchie di fango, olio, tracce di pneumatici, o altro, di solito è sufficiente spazzolare con acqua calda e detersivo. Se la macchia persiste, applicare candeggina delicata diluita con acqua e poi risciacquare abbondantemente con acqua calda. In casi più estremi sostituire gli elementi macchiati con altri nuovi.

In questi tipi di materiali è possibile che si manifestino delle efflorescenze, dovute alla calce presente nel cemento. Esse si manifestano solo nei primi tempi di vita della pavimentazione e solo in particolari condizioni di umidità e temperatura. Esse perciò, non costituiscono alcun difetto, occorre però provvedere alla pulizia della superficie con un semplice getto d'acqua.

Questi materiali sono disponibili su ordinazione e vengono imballati su pedana a rendere.

 

Scheda aggiunta il: 2010-01-12 16:03:20    Visite: 1256
RSS Feeds

CERMAL 
Sede legale e Stabilimento:
Zona Ind. S. Marco - Via G. Galilei 29
07041 - Alghero - SS
T.F. 079 98 98 42 | cermalsrl@tiscali.it

logoCermalFooter